Nevografia: come gestire la vita usando il disegno

  • Autor de la entrada:
  • Última modificación de la entrada:mayo 14, 2024
  • Categoría de la entrada:! Senza una colonna

Sono cambiamenti nella tua vita spesso accadono come volevi? Accade che ti stai muovendo verso l’obiettivo usando tutte le risorse possibili, ma non puoi allontanarti dal luogo? Perché sta succedendo e se è in qualche modo possibile risolverlo? È possibile e per questo ci sono tecniche speciali e non complesse.

La maggior parte delle azioni quotidiane che eseguiamo automaticamente. Ognuno ha formato e comportamenti correlati al tempo che utilizziamo in determinate situazioni. Sono basati da soli e l’esperienza di qualcun altro acquisita per tutta la vita. Ad esempio: l’acqua bollente è calda, la corrente può colpire e l’ignoranza della risposta alla domanda è piena di una cattiva valutazione.

Ogni modello è associato a un’azione di ritorsione specifica e ciascuno di questi modelli è una connessione neurale nel nostro cervello. Più spesso viene utilizzata questa conoscenza del modello, più forte diventa la connessione. Le connessioni neurali accumulate formano una grande rete neurale nel cervello, che è simile alla base di conoscenza, da dove provengono le informazioni necessarie, dopo di che prendiamo una sorta di decisione.

Si scopre che ogni concetto e l’azione ad essa associati fanno parte della rete neurale, un certo codice neurale, un modello di neuroni nella nostra testa. È strettamente correlato alle impressioni che abbiamo mai ricevuto a causa di compiti simili.

Se non è possibile stabilire una vita personale o trovare un lavoro a tuo piacimento, non c’è abbastanza tempo per tutto ciò che vuoi fare, questi sono programmi nella mente, le nostre restrizioni interne che non realizziamo, ma che influiscono fortemente nel nostro vite. Immaginiamo che due persone con esattamente la stessa conoscenza ed esperienza vanno a un’intervista nella stessa azienda in cui il manager porterà loro le stesse domande e sceglierà il futuro dipendente.

Il primo sta arrivando con l’idea che lo valuteranno, che non sa come rispondere correttamente, ricorda di aver già fallito in tali interviste e ha paura della ripetizione. Il secondo sta arrivando con l’idea che ora risponderà rapidamente alle domande, riceverà le informazioni necessarie, quindi farà un paio di affari personali e andrà a questo lavoro domani.

È facile indovinare che il datore di lavoro preferisce scegliere il secondo richiedente, perché il suo modello di comportamento in questa situazione era più vantaggioso. Si scopre che tutte le decisioni che prendiamo dipendono dal modello di comportamento o dal codice neurale che abbiamo. E la conclusione ovvia suggerisce se stessa: se il risultato non è soddisfatto, allora devi cambiare il programma. Ma come farlo?

Cos’è i nevografici?

Se dici a te stesso: «Oggi alla riunione ti senti sicuro e ti comporti in questo modo», funzionerà? Il cervello perceperà un tale messaggio? Questo è molto improbabile, come mostra la pratica. Il modello formato nella testa è molto più forte e molto probabilmente funzionerà e non un improvviso tentativo di sintonizzarsi su un’altra ondata. E lo ripetiamo di nuovo e calpestiamo lo stesso rastrello.

La buona notizia è che esiste un linguaggio ben comprensibile per il cervello e su cui possiamo riscrivere i modelli disponibili o creare nuovi programmi di comportamento. Ciò ti consente di aprire nuove opportunità. Il linguaggio è chiamato nevografia, è stato inventato da Pavel Piskarev – Dottore in filosofia, psicologo, allenatore e flasitatore grafico.

I neurografici sono un metodo grafico per organizzare il pensiero, trasformando il suo stato e l’atteggiamento verso un problema senza parole e un processo concettuale. Questo è il contatto con il suo spazio interno attraverso il disegno.

La base della lingua è 4 elementi-archetipo: un cerchio, un triangolo, una quadrata e una linea nevurografica speciale, che ha due caratteristiche. È lei che ti permette di cambiare i modelli e aprire nuove opportunità sulla strada per l’obiettivo, trasformare le connessioni neurali prevalenti e creare nuovi. Questo è il principio principale dei nevografi.

Quando iniziamo a impostare il significato delle figure, la coscienza cattura questa connessione e abbiamo emozioni in relazione a

ogni figura. Creazione di una composizione di figure semplici su un foglio e collegarle con una linea, formiamo impressioni. Pertanto, creiamo un semplice codice di cambio grafico per la coscienza. Esiste una riconfigurazione delle connessioni neurali e iniziamo a pensare e agire in modo diverso, il che cambia naturalmente l’atteggiamento delle persone verso di noi, l’ambiente, rende possibile prendere decisioni non standard.

I neurografici consentono di rimuovere le restrizioni interne e formare un nuovo codice neurale che corrisponda all’attività. Disegnare, cambiamo impressioni della realtà, formiamo nuovi. «Riviviamo» questa nuova realtà per la coscienza e iniziamo a gestire le circostanze. Nevrotografici – Un biglietto del treno per una nuova realtà costruita dalle nostre mani.